I casinò torneranno a Cuba?

La storia del casinò dell'Avana
Condividimi!
Twitter
Pubblicare!
E-mail
0 Minuti
Tempo di lettura
Ruiz Guillermo
Ruiz Guillermo

Analista di casinò indipendente dal 1995, in pensione. Hai indovinato la mia passione!

I casinò torneranno a Cuba?
I casinò torneranno a Cuba?
I casinò torneranno a Cuba?
I casinò torneranno a Cuba?

I mafiosi americani hanno investito pesantemente a L’Avana nel 1950 e hanno costruito Cuba una destinazione turistica di gioco d’azzardo che rivaleggiava con Las Vegas. L’isola, situata a circa 145 chilometri a sud della Florida, ha una tradizione profondamente radicata nel gioco d’azzardo e ha avuto una grande influenza sulla storia del casinò dell’Avana e della Rivoluzione cubana. L’impero criminale americano si è saldamente affermato nel paese e sta esplorando facendo la stessa cosa nella Repubblica Dominicana e nei paesi sudamericani.

I casinò torneranno a Cuba?

La Las Vegas dei Caraibi

Le attività mafiose iniziarono a Cuba già nel 1920, durante la proibizione statunitense dell’alcol. La mafia ha usato Cuba come una delle sue basi per il traffico di rum e altri prodotti alcolici. Ma fu durante la visita di Meyer Lansky nel 1933 che le cose cominciarono davvero a cambiare a Cuba. La figura criminale, nota come “contabile mafioso”, era sull’isola per incontrare il capo delle forze armate cubane, Fulgencio Batista, che sarebbe diventato il presidente del paese.

L’offerta? Tre milioni di dollari in cambio del sostegno delle sue forze militari. Batista accettò e divenne il leader del paese nel 1940. La mafia si stabilì sull’isola e portò orde di denaro nell’isola attraverso attività illegali negli Stati Uniti. Il leader del crimine Lucky Luciano, che ha ristrutturato la mafia americana nel 1930, è diventato il fulcro del sindacato criminale cubano. Ha ampliato le attività mafiose sull’isola, prendendo il controllo dei casinò e usando il paese come punto intermedio sulle rotte del traffico di droga verso molti porti degli Stati Uniti.

Tuttavia, l’evento principale nella storia della mafia sull’isola fu la Conferenza dell’Avana del 1946, che si tenne presso l’Hotel Nacional de Cuba, una località balneare. Venti figure criminali americane e italiane che rappresentano famiglie mafiose da New York a New Orleans e da Buffalo a Tampa si sono riunite per discutere di politiche, regole e interessi commerciali. Dopo questo incontro del dicembre 1946, il ruolo della mafia a Cuba esplose. L’Avana è diventata la Las Vegas dei Caraibi, con popolari giochi da tavolo da casinò come blackjack, roulette e craps.

Alberghi, ristoranti, discoteche, golf club e casinò sono apparsi a L’Avana per soddisfare i ricchi e famosi in cerca di lusso. Molte celebrità come Ava Gardner e Frank Sinatra sono venute a suonare nel paradiso cubano. Tutti gli hotel ospitavano casinò come il Riviera, il Capri e l’Havana Hilton. I governanti corrotti di Cuba e la mafia si sono arricchiti appropriandosi indebitamente delle entrate dei casinò e trafficando droga.

I casinò torneranno a Cuba?

Castro prende il controllo di Cuba

Oggi, il gioco d’azzardo non è legalizzato a Cuba. A differenza di altri paesi, che possiedono casinò terrestri in tutto il paese e siti online di prim’ordine, i cubani devono andare sottoterra per giocare su qualsiasi cosa con le VPN. Il mondo del gioco d’azzardo e dei giochi del blackjack e della roulette è cambiato a Cuba nel 1959.

Batista è stato rovesciato il giorno di Capodanno ed è fuggito dall’isola quando il movimento “26 luglio” di Fidel Castro ha preso il sopravvento. Decine di migliaia di cubani hanno celebrato la fine del regime del dittatore e i sostenitori di Castro hanno rapidamente stabilito il loro potere.

I ribelli hanno preso d’assalto L’Avana e hanno iniziato a saccheggiare e saccheggiare un certo numero di resort. Le slot machine vengono distrutte e bruciate. L’impero mafioso viene fatto a pezzi e distrutto. Dopo la Rivoluzione cubana, i casinò dell’Avana furono brevemente chiusi, ma furono rapidamente riaperti dopo le proteste dei lavoratori disoccupati del casinò. Castro nazionalizzò l’Hotel Nacional de Cuba il 20 marzo 1960 e infine chiuse i casinò nell’ottobre 1960, quasi due anni dopo il rovesciamento di Batista.

C’erano molti stabilimenti di gioco d’azzardo a Cuba prima della rivoluzione. Castro li ha eliminati tutti e ha reso illegali tutti i tipi di scommesse. Considerava il gioco d’azzardo e altre “industrie del peccato” come uno spreco criminale delle risorse finanziarie della nazione. La lotteria nazionale del paese è stata convertita nel National Institute of Savings and Housing dove i restanti proventi del gioco d’azzardo pre-rivoluzione sono stati trasferiti a un fondo di risparmio dedicato all’alloggio.

I casinò torneranno a Cuba?

Qual è lo stato del gioco d’azzardo a Cuba oggi?

Esiste una forma di lotteria clandestina chiamata La Bolita che, dopo i combattimenti di galli, è il gioco illegale più popolare sull’isola. Hotel come il Nacional e la Riviera, d’altra parte, sono conservati nello stato esatto in cui si trovavano nel 1950. Proprio come le famose vecchie auto americane. Ma le slot e le fiches del casinò di un tempo sono scomparse da tempo.

I casinò iniziarono a svilupparsi a Cuba nel 1920, in connessione con la crescita del turismo. Dopo diversi alti e bassi nei successivi tre decenni, l’industria dei casinò decollò tra la metà e la fine del 1950, quando Batista e i suoi compari, in collaborazione con i mafiosi americani, usarono le risorse delle banche di sviluppo dello stato cubano.

Anche i fondi pensione dei sindacati, per costruire alberghi che ospitavano tutti casinò, come il Riviera, il Capri e l’Havana Hilton ( l’attuale Havana Libre). Per gli americani, il gioco d’azzardo a Cuba significava giochi da casinò. Nel processo, i leader cubani e i mafiosi si sono riempiti le tasche, deviando le entrate dei casinò, ingannando gli investitori e trafficando droga.

I casinò torneranno a Cuba?

I cubani si guadagnavano da vivere nei casinò

Tuttavia, mentre il mondo dei casinò dell’isola è stato ampiamente coperto dai media statunitensi, non è mai diventato un argomento centrale nei media dell’isola o nella coscienza cubana. A parte i turisti americani, che erano i principali clienti dei casinò, solo un piccolo numero di cubani. Il codice di abbigliamento del casinò e i requisiti minimi di scommessa hanno impedito alla maggior parte dei cubani di entrare, anche se è vero che un numero relativamente piccolo ma significativo di cubani si guadagnava da vivere servendo i casinò, gli hotel e i locali notturni dove di solito si trovavano.

Ma l’impatto economico dei giochi da casinò, e persino del turismo, è stato notevolmente esagerato negli Stati Uniti. Nel 1956, un buon anno per il turismo, questo settore economico guadagnò 30 milioni di dollari, appena il 10% di quello che l’industria dello zucchero guadagnò quell’anno. Questa performance relativamente modesta è in parte spiegata dal fatto che il turismo internazionale di massa, facilitato dall’uso diffuso del trasporto aereo commerciale, non era ancora iniziato. Nel 1950, tra 200.000 e 250.000 turisti hanno visitato Cuba ogni anno, rispetto a poco più di 4 milioni nel 2020, e probabilmente di più nel 2022.

I casinò dell’Avana furono saccheggiati subito dopo il rovesciamento del dittatore Fulgencio Batista il 1 ° gennaio 1959. La stragrande maggioranza dei cubani vedeva i casinò e i parchimetri installati nella capitale pochi mesi prima come espressioni atroci della corruzione oppressiva di Batista e dei suoi scagnozzi.

Cuba ha una lotteria nazionale ufficiale che esiste fin dai tempi coloniali spagnoli. Ogni sabato pomeriggio si tiene un sorteggio, sponsorizzato dalla Renta de la Lotería, un’agenzia del governo cubano creata a questo scopo. La Renta era diventata una massiccia fonte di corruzione, anche se alcuni enti di beneficenza legittimi avevano ottenuto fondi attraverso le procedure della lotteria.

Anche i comunisti cubani parteciparono a queste entrate quando, controllando il movimento sindacale durante la loro alleanza con Batista dal 1938 al 1944, costruirono una nuova sede sindacale, almeno in parte con i soldi che il governo diede loro attraverso la lotteria nazionale.

I casinò torneranno a Cuba?

Estrazioni della lotteria

Sono stati trasmessi alla radio in un particolare mix di modernità e Medioevo. Lo spettacolo settimanale, degno di un film di Luis Buñuel, ha visto i bambini orfani e abbandonati cresciuti dalle suore della Casa de Beneficencia annunciare i diversi numeri della lotteria con una canzone distintiva, con una voce, un tono e una cadenza caratteristici. Ma il fatto che anche le più piccole frazioni di biglietti ufficiali della lotteria fossero relativamente costose ha stimolato la crescita di una lotteria informale e illegale basata sui risultati della lotteria ufficiale che accettava scommesse di soli cinque centesimi.

Questa lotteria illegale, chiamata “la bolita“, divenne un grande business e aveva i suoi capitalisti, o “banchieri”, alcuni dei quali divennero famosi. I banchieri, tuttavia, non avrebbero potuto sopravvivere senza i loro numerosi agenti nei barrios. Erano l’equivalente dei “numeri corridori” negli Stati Uniti.

Non c’erano forse legami tra le persone che possedevano e gestivano i casinò e i banchieri che gestivano la bolita illegale – con l’eccezione del caso particolare di Martin Fox, il proprietario della discoteca e del casinò Tropicana, che aveva fatto il suo capitale iniziale come banchiere della bolita, ma che si è lasciato questo mondo alle spalle quando è diventato il proprietario del Tropicana Club a L’Avana nei primi anni ’50.

Il punto in comune tra i banchieri bolita e i proprietari dei casinò era che dovevano pagare alti funzionari governativi e la polizia. La “bolita” era soprattutto un’attività di gioco d’azzardo per i poveri. Ma per molti poveri, e anche per alcuni membri della classe media, la bolita è diventata anche un modo per sostenersi o integrare il proprio reddito lavorando come apuntadores, o corridori di numeri.

I casinò torneranno a Cuba?

I casinò torneranno a Cuba?

Prima di Las Vegas, c’era L’Avana, e se gli sforzi del presidente Obama per sbloccare le relazioni USA-Cuba avranno successo, i giocatori potrebbero tornare sull’isola. “Penso che non ci siano dubbi sul fatto che ogni dirigente di casinò negli Stati Uniti e altrove stia pensando a un piano per entrare a Cuba”, afferma Bob Jarvis, professore alla Nova Southeastern University ed esperto di problemi di gioco d’azzardo. “Era il parco giochi degli Stati Uniti negli anni 1940 e 1950, e potrebbe diventarlo di nuovo. È favoloso. Sarà enorme, assolutamente enorme”.

Jarvis e altri esperti di gioco d’azzardo notano che è stato Fidel Castro a porre fine a un’era romanzata che ha portato visitatori americani in 13 casinò cubani. Castro, che vede il gioco d’azzardo e altre “industrie del peccato” come uno spreco criminale delle risorse finanziarie della nazione, le abolì nel gennaio 1959, quasi immediatamente dopo aver rovesciato Fulgencio Batista. Molti interessi del gioco d’azzardo sono poi fuggiti in Nevada. Anche se il governo cubano, guidato oggi dal presidente Miguel Díaz-Canel, approva il gioco d’azzardo, le persone che seguono l’industria dicono che ci vorrebbero circa 10 anni perché le slot machine riprendano a funzionare , e l’effetto sul sud della Florida sarebbe complicato.

Le società di casinò di Las Vegas e in Asia stanno chiedendo alla legislatura della Florida di espandere il gioco d’azzardo per includerlo, e la parte dell’accordo della tribù Seminole della Florida con lo stato che consente alla tribù di offrire il blackjack è in scadenza. Ma i leader legislativi dello stato non stanno prendendo in considerazione una proroga. I casinò di Cuba potrebbero essere utilizzati dall’uno o dall’altro dei sostenitori dell’espansione del gioco d’azzardo in Florida.

I casinò torneranno a Cuba?

I casinò non stanno per tornare a Cuba!

Tanti passi dovrebbero essere fatti prima che questo diventi un obiettivo realistico. Richiederebbe un governo stabile e aperto, un sistema normativo relativamente trasparente, molti investimenti di capitale per le infrastrutture turistiche in declino e fatiscenti. Molto è cambiato da quando Cuba è diventata una destinazione di gioco d’azzardo, incluso il fatto che molte altre isole offrono gioco d’azzardo e il gioco d’azzardo è diffuso negli Stati Uniti. Ma è un’isola bellissima e il fattore curiosità è enorme.

Come per i resort, i casinò cubani competerebbero con quelli del sud della Florida, afferma Chad Beynon, vicepresidente e analista senior per il gioco e la ricreazione presso Macquarie Capital a New York. Ma non si aspetta che Cuba competa con Las Vegas o Macao. “Sarebbe davvero difficile”, dice. “Sarebbe più simile a un casinò nei Caraibi, dove a volte i locali non sono nemmeno ammessi. Nei Caraibi, i casinò sono di solito una comodità piuttosto che un centro di profitto. Dal punto di vista dell’alloggio, sarebbe un sogno che si avvera.

Le relazioni diplomatiche sono state ripristinate e l’ambasciata degli Stati Uniti a L’Avana e l’ambasciata cubana a Washington sono state riaperte. Le restrizioni di viaggio sono state allentate, anche se gli americani che non hanno famiglia a Cuba devono ancora far parte di programmi educativi o simili per visitare la nazione insulare. Ma il presidente Obama ha fatto tutto il possibile dalla sua parte. Può essere difficile per gli americani viaggiare in Corea del Nord o in Iran.

Ma Cuba è l’unico paese al mondo in cui i turisti e i bar commerciali statunitensi sono vietati non da una dichiarazione del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti, ma da un atto del Congresso. Cuba rimarrà quindi vietata fino a quando il Congresso non approverà un’altra legge. Purtroppo per americani e cubani.

Cuba è un’isola enorme, di gran lunga la più grande dell’emisfero occidentale a sud del Canada. Con i suoi 470 km di lunghezza, è più lunga della Florida. È anche il più popoloso, con 11 milioni di abitanti. Storicamente, è sempre stato di grande importanza strategica. Non è un caso che Cristoforo Colombo abbia trascorso così tanto tempo navigando per Cuba nei suoi viaggi alla scoperta del Nuovo Mondo. Le correnti prevalenti e gli alisei costrinsero la maggior parte delle navi ad avvicinarsi all’isola.

Cuba è sempre stata politicamente ed economicamente legata agli Stati Uniti. Nel suo punto più vicino. Miami è tanto vicina a L’Avana quanto a Orlando. Prima dello sviluppo del trasporto aereo, i legami di Cuba erano principalmente con gli stati del sud. Gli hotel degli anni ’50 di Cuba sono ancora in piedi. Ancora più importante, lo sono anche i suoi casinò. Anche se ora sono bui e vuoti, nient’altro è cambiato; anche i lampadari sono gli stessi. Giureresti di sentire il sussurro dei fantasmi delle slot machine e dei tavoli da gioco di un tempo, quando cammini per il casinò Riviera.

La maggior parte dei bar e dei locali notturni sono ancora aperti. La più grande sala da concerto di tutte, la Tropicana a Cuba, con il suo palcoscenico all’aperto a più livelli, è di nuovo esaurita ogni sera nel 2022. La stravaganza presenta showgirl con copricapi piumati e danze sexy, o almeno ciò che sarebbe stato considerato sexy nel 1959.

I casinò torneranno a Cuba?

L’Avana rivaleggiava con Las Vegas e Monte Carlo

Diventare la capitale mondiale del gioco e dell’intrattenimento. Fidel Castro, attraverso il suo presidente provvisorio Manuel Urrutia, chiuse i casinò subito dopo aver preso il potere il 1 ° gennaio 1959, proprio mentre annullava la lotteria nazionale. Ma ha messo migliaia di cubani senza lavoro. Si sono lamentati pubblicamente, marciando per le strade in segno di protesta. Gli stessi consiglieri economici di Castro gli dicono che l’economia del paese crollerà se i casinò non saranno riaperti.

Hanno ragione, ma è troppo tardi. Castro cede e autorizza la riapertura dei casinò. Ma i turisti, soprattutto gli americani, sono rimasti lontani a frotte. E l’economia è crollata. Le macchine da bingo stanno invadendo l’America Latina. Sono spesso indicati come Classe II. Naturalmente, non esiste una classe I o III, poiché queste categorie sono state create dall’Indian Gaming Regulatory Act degli Stati Uniti e si applicano solo ad esso. Ma è un modo semplice per distinguere questi dispositivi di gioco dalle vere slot machine, almeno per motivi di copertura politica.

I casinò reali, con slot reali e giochi da tavolo, sono comuni anche in gran parte dell’America centrale e meridionale. Ma ancora di più nei Caraibi. Una Cuba libera permetterà rapidamente la riapertura dei casinò, in hotel di qualità pensati per i turisti, o addirittura riservati a questi ultimi.

Per ora, Cuba non ha il gioco d’azzardo legale. Ma altre nazioni comuniste hanno avuto casinò e lotterie per decenni. I casinò, in particolare, erano visti come un modo per estrarre valuta forte dai turisti e dall’economia sommersa. Ho giocato in un casinò in Ungheria quando era ancora comunista, con tutte le transazioni in marchi tedeschi (questo era prima dell’euro). I giochi erano spesso limitati ai resort e alla gente del posto non era permesso scommettere, o addirittura entrare.

E poi, naturalmente, c’è Macao. I casinò guadagnano più di tutti i casinò privati in Nevada, New Jersey, Mississippi e nel resto degli Stati Uniti messi insieme. Macao, come Hong Kong, è una regione amministrativa speciale della Repubblica popolare cinese. La RPC è ancora tecnicamente un paese comunista, anche se sarebbe più corretto descriverlo come marxista: un capitalismo generalizzato di libera impresa che fiorisce sotto la dittatura di un partito unico totalitario.

I burocrati che gestiscono Cuba possono trovare una soluzione parziale all’attuale catastrofe economica del paese e alla sua imminente crisi politica guardando a est verso l’estremo oriente. Cuba deve ispirarsi a Macao. I casinò resort creano posti di lavoro e portano entrate tanto necessarie. Potrebbero facilitare la transizione di Cuba dalla stagnazione economica creata dal comunismo puro, come hanno fatto in Cina.

Naturalmente, Cuba non ha centinaia di milioni di residenti della classe media che hanno poche opportunità legali di giocare d’azzardo. In effetti, la popolazione è così povera che è uno dei pochi paesi in cui gli operatori di casinò hanno tutto l’interesse a vietare l’accesso ai locali. Ma Cuba attira già un gran numero di turisti dall’Europa e dall’America Latina: il turismo è l’industria leader del paese. Lo spettacolare successo dei casinò dell’Avana nel 1950 mostra cosa potrebbe fare il gioco d’azzardo legale, specialmente quando gli americani possono arrivarci senza restrizioni.

Il problema principale è politico. La Rivoluzione scatenò un odio profondamente sepolto per i casinò. I milioni di persone che vivono in povertà non apprezzano l’ostentata esibizione di ricchezza, che è nota per appartenere a Meyer Lansky e ad altri leader del crimine organizzato americano. Questa antipatia è stata esacerbata dalle slot machine non da casinò che si trovano in tutta l’isola. Era anche risaputo che i soldi di questi dispositivi di gioco, come i centavos depositati negli onnipresenti parchimetri, finivano nei conti bancari di Roberto Fernández Miranda, il cognato del dittatore Fulgencio Batista.

Rappresentanza dello Sponsor

Nel film Il Padrino II, c’è una scena in cui diversi alti funzionari della mafia si riuniscono per una festa di compleanno sul tetto di un casinò dell’Avana. Portiamo una torta che ha la forma del paese di Cuba. I boss mafiosi lo circondano e lo tagliano simbolicamente a pezzi.

Espulso dagli Stati Uniti, il mafioso Lucky Luciano, considerato il fondatore della mafia moderna, si stabilì a L’Avana e la vita era buona. Luciano gestiva la mafia come se fosse un amministratore delegato aziendale. Cuba ha offerto loro il meglio di entrambi i mondi. Potevano sfruttare il loro impero criminale e pagare un governo corrotto che era più che felice di ospitare queste attività in cambio di una parte delle entrate. E soprattutto, dal punto di vista della mafia, era libero da ogni timore di interferenze da parte delle forze dell’ordine americane.

I casinò torneranno a Cuba?

Un posto preferito per le celebrità

Il centro di attività creato dalla scena dell’Avana, combinato con la sua vicinanza agli Stati Uniti – Cuba è a soli 145 km dalla Florida lo ha reso una destinazione popolare per le celebrità americane. Il presidente del consiglio di amministrazione ha presieduto la sua quota di partiti nel punto caldo cubano. Frank Sinatra e sua moglie Ava Gardner erano frequenti visitatori. Sinatra aveva un’amicizia con Luciano, le loro famiglie provenivano dalla stessa città siciliana e questo ha solo alimentato voci di lunga data sui legami di Sinatra con la mafia. Il futuro presidente degli Stati Uniti John F. Kennedy, allora senatore, era noto per frequentare la vita notturna cubana. Attori come Marlon Brando e George Raft erano altri visitatori abituali dell’Avana.

Anche i gruppi musicali afro-americani frequentavano L’Avana perché non era loro impedito di esibirsi come in molte città americane. Nat King Cole, Eartha Kitt e Dizzy Gillespie hanno avuto un ruolo di primo piano nel programma degli spettacoli del casinò.

Mentre i ricchi e le celebrità godevano dello stile di vita di fascia alta dell’Avana, c’era un divario economico nel paese. In molte zone rurali esistono condizioni di povertà abissali. Questa divisione contribuì ad alimentare la rivoluzione di Castro. Il 1 ° gennaio 1959, le forze di Castro rovesciarono il governo e Batista fu costretto a fuggire dal paese.

I siti storici dell’Avana per i visitatori di oggi

Oggi, questi siti storici, che una volta erano i punti caldi dell’Avana, rimangono destinazioni popolari. Nel bar della hall dell’Hotel Nacional, i visitatori possono ammirare i cimeli esposti da Jake e Meyer Lansky, proprietari dell’hotel nel 1950. L’Hotel Sevilla-Biltmore, costruito nel 1908 e ristrutturato nel 1923, è stato progettato sul modello del famoso Waldorf Astoria di New York. Era un altro posto molto popolare tra le star di Hollywood. I turisti possono cenare qui e immaginare il tempo in cui artisti come Enrico Caruso e Josephine Baker si sono esibiti nella sala da ballo dell’hotel.

Dalla sala panoramica dell’Hotel Sevilla-Biltmore, i turisti possono godere di spettacolari viste a 360 gradi sull’Avana. Il Tropicana Club, che all’epoca era il posto più trendy dell’Avana e dove Nat King Cole registrò un album dal vivo, è ancora lì, così come il Riviera Hotel. L’architettura unica di queste splendide strutture è stata immacolata. Ricordano un’epoca passata nella storia cubana e meritano una visita.

I casinò torneranno a Cuba?

I turisti volano direttamente alle località balneari

Cuba ha già zone turistiche, dove i locali non sono autorizzati ad entrare se non per lavoro. I turisti volano direttamente nelle località sulla costa meridionale di Cuba, solo per andare in spiaggia. Il luogo naturale per il primo casinò di Cuba è, ironicamente, la Baia dei Porci. La scena della fallita e disastrosa invasione del 1961 è ora una fiorente località balneare, soprattutto per gli europei.

Ma c’è un altro posto, dove un casinò sarebbe ancora più di una dichiarazione politica positiva da parte del governo cubano: Guantanamo Bay. È isolato dalla stragrande maggioranza della popolazione: a più di 800 km da L’Avana, è in realtà più vicino a Miami. Ci sono spiagge, un aeroporto e uno dei più grandi porti marittimi del mondo per le navi da crociera, se gli Stati Uniti consentono mai il libero passaggio.

Cuba potrebbe creare un’altra zona turistica, con il gioco d’azzardo legale, sul lato cubano di Guantanamo Bay. I residenti locali sarebbero esclusi. Ma i visitatori provenienti da tutti gli altri paesi, compresi gli Stati Uniti, sarebbero i benvenuti. Il professor I. Nelson Rose, che ho avuto l’opportunità di incontrare durante la mia carriera, è riconosciuto come uno dei maggiori esperti mondiali di legislazione sul gioco d’azzardo ed è un consulente esperto e testimone per i governi e l’industria.

Più di 2400 giochi senza download o registrazione
gratuito
Più di 2400 giochi gratuiti senza download o registrazione
Cuba, la rivoluzione del turismo nel 2022!